Riparte dal 5 al 12 agosto il festival europeo di Sziget a Budapest, in Ungheria.

Si tratta del festival più interessante a livello europeo che accoglie gruppi incredibili.

La scena musicale è quella rock indipendente, dallo ska punk al brit pop (ci saranno i Blur il 9  agosto e i Franz Ferdinand l’11), fino al folk rock.

Tantissimi sono gli artisti che arrivano da ogni parte del mondo, Italia compresa.

Uno dei nomi che spicca tra i tanti italiani è quello degli Afterhours l’8 agosto.

Nella stessa data ci saranno anche i Bad Religion dagli Stati Uniti per gli amanti dell’Hardcore Punk.

Tra i gruppi della scena del Nord Europa – sempre vivace e interessantissima – ci saranno i Tako Lako e i finlandesi Rubik.

Da non perdere la giornata del 6 agosto, che vede la presenza di gruppi ungheresi, degli artisti del progetto della Regione Puglia chiamato Puglia Sounds e di celebri bande come Linea 77 e Punkreas sul Mambo stage.
Il costo del biglietto parte dai 20 euro circa per uno/due giorni fino a 50 euro. C’è anche la possibilità di acquistare un pacchetto per l’intera settimana compreso il campeggio al costi di circa 200 euro. Le prevendite sono disponibili sul sito fino al 28 Luglio.
Come arrivare a Budapest dall’Italia?

Tutti i Principali aeroporti italiani collegano l’Italia con l’aeroporto di Budapest. In aeroporto, inoltre, è possibile noleggiare un’auto con formula low cost prenotandola in anticipo.

L’idea di prendere un auto a noleggio è l’ideale per il festival in quanto potrete trasportare facilmente l’attrezzatura da campeggio sul posto del concerto.

Se non vi va di dormire nell’area del festival organizzata per il campeggio e preferite restare in città, Budapest offre molte possibilità di alloggio in hotel grazie al Budapest Hotel Service (trovate tutto sul sito del festival) con cui potrete prenotare la soluzione più adatta alle vostre esigenze.

I costi variano a secondo del tipo di soluzione: ci sono gli hotel, ma anche molte possibilità di alloggiare in ostelli con tariffe agevolate per il festival (per un minimo di quattro notti).
Il festival si svolge precisamente nell’isola di Obuda, la Buda antica, dove c’è un parco verdissimo pronto ad ospitare i palchi su cui suonerà questa straordinaria rosa di artisti.

Michele Pacilli
Appassionato di viaggi, da sempre viaggio nella scoperta dei luoghi più nascosti d'Italia e non solo. Adoro i cani, il caffè e tutti i tipi di dolci.